Exemple

We leave at the end of February in a moment of deep uncertainty due to Covid19 world pandemic. It is me (Arianna) and Luca. We are not frightened by the situation, nevertheless before leaving we collect all the information necessary to ensure we have a safe journey and we don’t find ourselves unprepared.

Malpensa airport is strangely desert. We embark on the plane and our trip will end late at night.

When we arrive in the camp the weather is cold but we always have a very warm welcome, full of hugs and smiles from our kids as well as from many adults that have become a genuine family to us. We soon get ready to start our activities. There so much to do and we only have two days before we get back.

We realise that it is a very difficult moment because of bombings. Besides, moving around is dangerous and complicated because of the curfew. Still we manage to distribute food packs to all the families of the camp, milk to malnourished children and vouchers to the orphans supported from the Italian donors. We also assign the funds for the Rainbow Tent, that we supervise, and we find it full of children so much willing to learn and show us their improvements.

In addition, we leave medicines and sustenance to the most fragile families and we buy a tent for a family that has just lost theirs in a fire, while trying to keep warm.

We cannot go to the urban area, where we support 25 families, since the curfew doesn’t allow us to move across different regions. Therefore we leave the money destined to those families to our local co-operator, who will take care of distributing the vouchers and sending us the pictures of the distribution.

The last day of the mission we realise that we are stuck in Turkey, because the Turkish Government decided to cancel all flights to Italy due to the pandemic. We contact the Italian Embassy, that kindly tell us to try and find a way to go back on our own, but actually there are no flights to Italy available.

Fortunately we find our way back home after a long trip and many stopovers.

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

In the last months of 2019 we were able to go to Turkey regularly every month.

In October the group was very cohesive: two doctors, one photographer and Elisabetta from Comitato Mahmud, responsible for the small school tent, the Rainbow Tent, where they organise recreational activities and the work of two local teachers.

The weather was mild, and our experienced routine allowed the doctors to visit all the children of the camp, the malnourished children and the adults in need. In particular, they could happily see that malnourished children are growing normally thanks to the treatments and the milk powder provided each month.

We distributed vouchers to the orphans, as well as food packs, and organised the activities of the Rainbow Tent for the coming months.

In November and December it was again Arianna and Luca. They took care of the most vulnerable in the camp, distributing the vouchers to the orphans and the malnourished children. They also continued to assist those in need, following the instructions from the doctors in Italy. They distributed covers and wood to all the residents of the camp in order to face the cold in the incoming winter.

Finally, they made it to Kilis where they gave vouchers and coal to the families who need to face the two coldest months of the year with no heat in their homes.

 

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple
LIFE AT THE CAMP

Yet another departure for another mission! I don’t number them any longer, but I don’t blur any of them and I don’t forget any emotion they aroused .
We left at dead of night to stay longer in the camp, already tired and worried, as usual. When you leave you bring some burden with you, the burden of what you leave and what you already know you will meet. You know that you have to work very fast, your activities will be frantic and exhausting. The unforeseen always occurs.

We are only three this time, no doctor neither the photo reporter. Ok. That is. From Italy we asked the people there to get the food baskets ready. The families are 400 and the orphans are 40. We had launched a fundraising that unfortunately did not cover the cost of the food supplies. I feel discouraged and worried . Even the thought that in a while I ‘ll meet again the children and people who have been waiting for us for years is able to make me feel better.

When we get to the camp, after overcoming some difficulties, obstacles and so on, we find ourselves facing a surreal atmosphere.
The camp seems to be empty. No children run to meet us, no mothers or weary women, no men to welcome us.
All of them are tired, they have no hope and they are getting used to the idea that they will be left with no coumtry and with no rights there, in those camps for many years to come.
For the first time I have no words.

But then they appear. Slowly, very slowly …. and they are a lot, a crowd. The children look for attention, they take by your hand and try to communicate with hugs and signs, as they usually do.

We give out the food baskets. It takes 3 hours to meet the three camps. Some of the people will need medical treatment but the doctor is not here ; they were used to come together into a tent and line up to be seen by a doctor and receive medecins , but not this time! They are disillusioned, I am saddened. I feel guilty.

The children want to play, but there is not enough time. We carry on saying “baed” that means “dopo”. They
take you by the hand, they just want you to look at them, to spend a little bit of your time with them.
Women at the beginning stay aside, then they come near me and ask me how I feel, how are my children.
Men show through their lifeless eyes how much they appreciate what we are doing for them.We hand out the baskets and feel like to distribute, together with food, kindness and love that worm their heart. We smile at them, nearly joke. We brought some milk and candies, but it is getting dark, they will be shared tomorrow.

We have some tea sitting on the ground and our mind already is planning on what we will be doing during our next mission: either to give support to a school or to build a football pitch. Yes, we brought some footballs and we saw pure joy in the children’ s eyes! We think that a part from the body, also the soul should be cared if you want to have better citizens.

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple
We already know that the missions at the Syrian border are always dangerous and difficult to plan. We need to set up things from Italy with the help of people and associations on  site as for  our safety and the distribution of food and first aid supplies.
When we leave we already are aware that the unforeseen is always on the agenda. We just need to handle it  without getting into a panic.
We left , myself (Arianna) and Andrea (the photoreporter). Andrea ready to take amazing shots  of our little children. Personally,  I’m not at ease, I mean, less than I usually feel. We had been threatened ,as it had already happened, but this time the threat has a name and it seems real.
We are not heroes, so we tried to weigh every move and every risk and before  reaching  the camps  we received some safety measures.
The heat was stifling , we really didn’t feel well. And something went wrong! We had problems in hiring a van to carry the food baskets, the number of baskets was uncertain,  and mainly,  our escort  didn’t appear.

But we are determined: if you give in to despair every mission will fail. Andrea and myself  work well together, easily understand  and stand each other, even when we have to stand up to hard work and sleep hasn’t been enough

When at the camp we found the situation worse than ever: the families are more that before,  they have been facing years in extreme poverty and despair and they are exasperated, so it  becomes difficult to handle them.
What is wonderful is to meet again the kids  we know and have been  supporting for years. They run to meet us, they call us by name. We like to sit inside the tents and watch people who try to make us feel well with the little they have ( this time it was Ramadam and they made us fastening too!).
Some time ago, it was difficult to hand out the baskets, now everything is well organized, we have lists with the names of people  entitled yo receive the basket. This is thanks to the contacts and friends we have on the spot.
This time we have planned a double basket for the many orphans, the same that were given energy bars last March.
The doctor is  not with us, he is taken up in Irak. No health care then, but fortunately no serious ilnesses this time,  as if often occurs.
We always try to find some time to spend with the kids, sitting on the floor, telling them something about ourselves and listening to their little hearts talking about their very sad life.
We know all of them, we hug them, we reach their higher level: the one of , innocence. They smile, even after spending hours of hard work in the fields, exploited and wonded in the soul and dignity.

These kids hàve no parents, no dreams, no future. They are invisible, fragile like  butterfly’ s wings, but they can offer more than what they receive. We never leave empty handed: it can be a plastic ring , a fruit.
We go away feeling that we did everything possible but not enough. No child, no human being should live on charity.
Yet, our help can do and made the difference between life and death.

It has been a very short mission, always in a rush. Just two days dangerous and in great agitation, but everything went well . We know that we have no choice: come back as soon as possible.

That is the promise we made looking into the eyes of a child.

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email

You know we had launched a fundraising to buy blankets for the refugees, and we reached our aim.

The blankets arrived, warm and comfortable. Also this year we are able to ease the suffering due to the terrible cold.

The refugees are happy and their faces show their happiness.

They are the ones whom we think of when we protect our children and our selves  from the winter cold, the ones who call “home” the campsite they live in.

They are not used to receive help and we, too, are happy when we succeed in doing that.

November Turkey 2017

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

I profughi che ho incontrato sono un inno alla vita. di Holly Boncoraglio

La partenza

Pegasus Airlines ringrazia. Ci siamo trovati tutti in aeroporto verso le 12. In questa missione saremo in 6, Arianna, Stefania, Marja, Andrea, io e Marino.

I bagagli sono tantissimi. Ognuno di noi aveva circa 5 borsoni a testa da 6/8 chili ciascuno, un preziosissimo lavoro fatto da Maruska, Mariateresa e Margherita. Il fatto di avere una tale quantità di bagagli è stata in realtà la nostra fortuna al banco check-in. Erano così tanti che hanno riservato un desk solo per noi. Gli altri passeggeri ci lanciavano occhiate a dir poco preoccupate, contenti di non essere loro quelli in fila dopo di noi. Una volta caricati tutti i borsoni ci siamo guardati soddisfatti; fino a che qualcuno ha chiesto se avevamo contato il numero dei bagagli e ci siamo resi conto di non averlo fatto. Fortunatamente Mariateresa e Margherita avevano attaccato su ogni collo dei biglietti con scritto il contenuto e il peso di ogni singolo borsone!

Il viaggio è andato bene, i voli erano entrambi in orario e abbiamo incontrato Marino e Marija in aeroporto ad Adana, nell’area ritiro bagagli. Avevamo 6 carrelli così stipati che ad ogni buca e ad ogni piccola discesa puntualmente cadeva qualcosa. Una vota fuori dall’aeroporto abbiamo preso i nostri furgoni. Si trattava di due furgoni neri da 7 posti ciascuno, belli ampli internamente e con i vetri scuri. Li abbiamo caricati e siamo partiti, diretti al  market, dove avremmo trovato i pacchi alimentari pronti da portare al campo.

Il market è in realtà un garage con accatastate una montagna di scatole che il nostro istinto riteneva fossero i nostri pacchi alimentari. Una volta scese io e Arianna ci siamo guardate un po’ preoccupate: erano scatoloni da 25 chili ciascuno contenenti pasta, riso, legumi, olio, burro e dolci per bambini…. come avremmo fatto a trasportarli? I nostri furgoni erano già per metà occupati dai borsoni con le giacche.

Per fortuna,  uno dei dipendenti del negozio che parlava un po’ inglese, si trovava li “per caso” con il suo camion bianco. Sempre per caso il furgone è abbastanza spazioso per i pacchi. Non avevamo scelta, perciò “per caso” o meno ci siamo trovati a dover accettare il suo aiuto.

Il piano originale era prendere il cibo, distribuirlo al primo campo, poi spostarci verso il secondo e distribuirlo lì. In un secondo tempo saremmo passati a prendere il furgone con le coperte, lo avremmo portato al secondo campo e distribuito insieme ai vestiti, poi saremmo tornati nel primo. Ma con il fatto che avevamo perso così tanto tempo, abbiamo dovuto cambiare piano. Prima passare a prendere il furgone con le coperte e guidarlo verso il primo campo, distribuire cibo e coperte. Poi andare al secondo campo, distribuire cibo e coperte in modo tale da lasciare liberi gli autisti, distribuire pail e giacche e poi ritornare al primo e completare la distribuzione.

Per fortuna l’autista che guidava il camion delle coperte conosceva la zona, la quale si trova in “the middle of nowhere”.

Il primo campo è abitato da curdi e siriani. In particolare ricordo una bambina con gli occhi verdi, siriana, e la bambina bionda. Quella con gli occhi verdi, mi si era letteralmente attaccata durante la missione che avevamo fatto nell’Ottobre del 2015. Ricordo che non mi lasciava mai. Nei mesi successivi chiesi ad Arianna di cercarla, ma purtroppo non la trovò più. Avevo con me un diario, che avrei regalato alla sorella maggiore della bambina Curda (il cui nome è Fiore, per noi); non perché io sia particolarmente affezionata a lei, ma perché ha la mia età; e come tutti i ragazzi della mia età penso abbia bisogno di qualcuno con cui confidarsi. Arianna mi aveva avvisato che probabilmente si era sposata, quindi nel diario ho messo una foto dove siamo ritratte insieme ad Arianna e a Fiore. Così, caso in cui non l’avessi trovata, avrei potuto donarlo alla sorella, con tantissimo affetto.

Questo campo è più vivibile rispetto al secondo; forze per la presenza del fiume, o perché è circondato da campi coltivati, o forse per la presenza della legna per ardere il fuoco. Certo non si può dire che se la passino bene, ma la povertà qui è diversa da quella desolante che si riscontra invece nel secondo campo.

Appena siamo arrivati Fiore, che teneva la mano della sua sorellina più piccola è corsa incontro a noi urlando “Arianna”. Ricordo come questa bambina mi era rimasta impressa poiché giocava sempre con i maschi, tra cui i suoi fratelli maggiori, e li comandava a bacchetta. Mentre sono immersa nei miei ricordi, lei viene verso di me chiamandomi “Abla” e mi abbraccia. Probabilmente anche lei si ricorda di me; forse perché durante il nostro primo incontro suo fratello mi aizzò contro una gallina.

Ci siamo spostati verso la parte sinistra del campo, dove c’era una piccola piazzetta. Lì ha avuto luogo la prima distribuzione. Questa volta avevamo chiesto la lista delle famiglie presenti, in modo tale da poter fare una distribuzione più equa e ordinata. Nonostante ciò non è stata una distribuzione facile. Non sono mancati qualche spintone né è mancato chi è rimasto senza cibo poiché non aveva lasciato il nome. Dopo la distribuzione io e Andrea ci siamo messi a gironzolare per il campo. Io volevo scattare qualche foto agli oggetti che facessero trasparire la condizione dell’essere rifugiato. Anche Andrea fotografava. Lui mi ricorda molto Sebastiao Salgado.

Stavamo camminando tranquillamente quando mi sono sentita chiamare da Arianna. Così sono tornata indietro e l’ho vista tenere in braccio un bambino. Questo piccolo non doveva avere più di 2 mesi, ma aveva due tubicini respiratori attaccati al naso, era molto pallido e magro, e muoveva a malapena gli occhi. Con voce preoccupata mi chiese di chiamare Marino. Lo ho trovato dopo qualche minuto mentre metteva una crema contro la leishmaniosi sull’orecchio di un bambino. Si è poi fatto condurre da Arianna che teneva tra le braccia il bimbo. Insieme siamo entrati nella tenda dei genitori, insieme all’interprete del negozio. In un attimo, da ironico Marino è diventato molto serio. Gli sono bastati pochi minuti per alzare lo sguardo e scuotere il capo in modo impercettibile. Nulla da fare. Il bambino morirà a breve.

Il suo problema è probabilmente dovuto ad anomalie durante il parto che gli hanno schiacciato la testa. Non vivrà a lungo. L’interprete si è poi girato verso i genitori, dicendogli che non servivano medicine e dovevano solo sperare in Dio, inshallah. Arianna lo ha corretto dicendogli che non c’era alcuna speranza; ma lui con gli occhi pieni di lacrime si è voltato verso di lei dicendo “lo so. Ma non posso, non posso proprio”. Uno alla volta siamo usciti in silenzio dalla tenda, lasciando soli i genitori che piangevano disperati. Avevano capito.

Fuori mi aspettava Fiore. L’ho presa da parte e le ho mostrato la foto della sorella e della bambina dagli occhi verdi. Ho scoperto così che la sorella si è sposata (ma non ho ben capito dove sia andata), mentre la mia piccolina è stata riportata in Siria.

Poi uno dei ragazzi ci ha chiesto se volessimo un po’ di chai. Noi, che avevamo fame e sete abbiamo detto di sì. Mentre loro si affrettavano a cercare 6 sedie che contassero tutte e 4 le gambe, io ho preso Fiore da parte, su suggerimento di Arianna, e l’ho portata dietro una tenda, dove nessuno ci poteva vedere. Dallo zaino ho tirato fuori il diario e un astuccio e glieli ho consegnati. Lei ha sgranato gli occhi e ha aperto la bocca. Io ho fatto segno di fare silenzio. Avevo un regalo per un bambino. Così se lo è nascosta nella maglietta e si è voltata per tornare a “casa” a nasconderlo (almeno questo è ciò che le ho segnato di fare; dico segnato perché non parlo mezza parola di curdo). Ma dopo qualche secondo si è fermata, si è girata e mi è corsa incontro. Si è bloccata e poi mi è letteralmente saltata al collo. Per poco non rotolavamo nel fiume entrambe. Ancora non so descrivere la felicità che provai in quell’abbraccio. Mi diede un bacio e corse via, verso la sua tenda.

Io sono tornata indietro mentre Arianna e Marja stavano comunicando con alcuni bambini. Quando dico comunicare non pensate alla comunicazione linguista, ma a quella corporea fatta di piccoli gesti volti a veicolare un messaggio. Marja in questo è davvero fantastica.

Io mi sono messa a passeggiare e ho trovato Andrea sorridente che accarezzava il volto di un bambino. Mi sono avvicinata e mi sono resa conto che stava parlando con un bambino speciale. Era un bambino paralizzato e affetto da un handicap mentale. Non parlava ma emetteva qualche vocale ogni tanto e batteva i polsi. Era su una sedia a rotelle, di quelle moderne. Eppure aveva un particolare che lo rendeva speciale, e che soprattutto aiutava noi: sorrideva moltissimo.

Questo bambino era un autentico inno alla vita. Così com’era si guardava in giro e sorrideva. Se provavi ad accarezzarlo sulla guancia chiudeva gli occhi e provava a dire qualcosa. In quel momento ho pensato a quale effetto avrebbe fatto su di lui un po’ di musicoterapia. Mentre io e Andrea lo ringraziavamo per la gioia che ci stava donando in quel momento, ci hanno chiamato per il the. Ma ci dispiaceva troppo lasciarlo lì da solo.

In più tremava un po’ per il freddo. Andrea corse verso Stefania che aveva in mano una delle sciarpe da donare ai bambini del campo. La portò al piccolo e gliela mise addosso e il bambino emise un verso di gioia sorridendo come un pazzo e battendo le mani. Per non lasciarlo lì, io presi la carrozzina e con l’aiuto di Andrea lo portai là dove avevano messo sei sedie. Mentre ci avvicinavamo Le persone venivano verso di noi. Marja, Stefania e Arianna si sono chinate verso questo bambino mentre io lo trasportavo. Per fortuna avevo l’aiuto di Andrea, in qualche punto, per colpa delle buche e dei sassi ho davvero rischiato di farlo cadere.

Avrei voluto portarlo via con me!

Dopo il the siamo ripartiti nuovamente per il secondo campo, con la promessa fatta a Fiore e agli altri bambini di cui non conosco il nome e che saremmo tornati con il resto della roba.

Son rimasta molto colpita dalla pazienza che hanno dimostrato sia i ragazzi del negozio, sia quelli delle coperte. In quel campo siamo stati più di un’ora, e sicuramente nell’altro campo avremmo impiegato un’ora nel distribuire le cose. E loro sono rimasti con noi, aiutandoci.

Dopo una ventina di minuti siamo arrivati nel  secondo campo, dove vive la famiglia di Alì. Questo campo è davvero desolante. La strada per arrivarci è pittoresca.

Ma una volta finita la strada sembra di entrare in una grande discarica, dove non c’è vegetazione, non c’è acqua e nemmeno erba. Il terreno è sabbioso e sporco. C’è una fontana da cui esce acqua sporca e maleodorante. E’ pieno di pattumiera di ogni genere che gli abitanti bruciano al posto della legna per cucinare e per avere un po’ di acqua calda per lavarsi. Molte tende sono fatte di plastica, completamente fatiscenti. Quasi tutti i bambini sono scalzi, nonostante sia il 29 di Gennaio e faccia davvero un freddo pungente.

 

In questo campo ci sono 3 diverse nazionalità, turchi, curdi e siriani. Io non riesco a distinguerli, mentre Arianna, Marino e Andrea che sono un po’ più esperti di me riescono.

Qui la distribuzione è stata diversa. Abbiamo messo in un’unica tenda pacchi alimentari e coperte, così da lasciare liberi gli autisti che sono ripartiti dopo averci aiutati a scaricare.

Dopo avere accatastato la roba, il capo-campo ha chiamato le famiglie che erano segnate anche qui su una lista, mentre io e Stefania cercavamo di tenere buoni i bambini. E’ triste vedere bambini che si azzuffano per entrare in tenda e prende un po’ di cibo; ad un certo punto mi sono infuriata con uno che brandiva un bastone e colpiva i bambini. Non potevo insultarlo, non fosse che non conoscessi la lingua, ma gli ho urlato in italiano di finirla. Quest’uomo mi ha guardata  malissimo e mi ha anche risposto in modo acido. Probabilmente non è abituato a vedere una donna, per di più giovane, che prende posizione contro di lui, ma a me non interessa: se ci sono io non ti devi azzardare a toccare un bambino. Così mi sono girata a cercare Arianna per chiederle se potevamo mandarlo via. Ma non sono riuscita a trovarla. Così ho chiesto un po’ in giro dove fosse, finché Marja non mi ha detto che era stata portata in una parte del campo da alcune persone. Insieme abbiamo concordato che se non fosse tornata presto saremmo andate a cercarla.

In realtà non c’era nulla di cui preoccuparsi, perché è tornata poco dopo verso la fine delladistribuzione. Ci ha spiegato di essere stata in una parte di campo molto povera, dove gli aiuti non arrivano. Lì vi sono diversi orfani, tra cui ha riconosciuto una bambina che avevamo visto a ottobre 2015 e che ci avevano detto essere morta. Mi ricordo bene questa bambina, era strabica e completamente denutrita, oltre che orfana. Avevamo lasciato ad una donna, la quale aveva un altro figlio, del latte in polvere chiedendole di darlo alla piccolina. Mi ero sentita quasi in colpa, perché sapevo di averla costretta a scegliere tra suo figlio e l’altra bambina. Infatti qualche giorno dopo ci avevano detto che era morta. Io ero così contenta quando Arianna ci ha raccontato che non solo era in vita, ma aveva persino un paio di occhiali, che ho preso in braccio una bambina di 7 anni che mi si era attaccata fin dal nostro arrivo. Me la sono tenuta stretta stretta, felice che ogni tanto qualche miracolo accade davvero. E in cuor mio ho ringraziato quella donna per la sua generosità.

Dopo la distribuzione abbiamo allestito 3 tende e ci siamo divisi i compiti. In una tenda, Stefania e Marja avrebbero fatto il loro lavoro di elaborazione del trauma attraverso il disegno. La seconda tenda invece sarebbe stata il luogo dove Marino poteva visitare e curare i bambini con l’aiuto di Arianna. La terza tenda invece l’avremmo gestita io e Andrea per la distribuzione delle giacche.

 

 

Il laboratorio di disegno per l’elaborazione del trauma è stato veramente intenso ed doloroso, ma sicuramente molto importante. Stefania ha chiesto ai bambini di disegnare un luogo sicuro. Quasi nessuno ci è riuscito. Sui disegni solo bombe, gente stesa a terra, case incendiate e carri armati.

Marino ha diagnosticato 3 cardiopatie, un ragazzo a cui mancava un osso del braccio (e faceva davvero impressione vedere questo braccio piegato in modo totalmente innaturale), qualche leishmaniosi e malattie intestinali dovute all’acqua totalmente sporca. Il nostro interprete veniva chiamato incessantemente da una parte all’altra, e ha fatto davvero un ottimo lavoro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Io e Andrea ce la siamo cavata bene anche senza interprete. E’ venuto con noi all’inizio per spiegare ad alcuni ragazzi che ci aiutavano a distribuire di mettere tutti i borsoni in una tenda, fare entrare 3 bambini alla volta, consegnare loro vestiario e poi farli uscire. Io ero dentro la tenda che aiutavo a distribuire, mentre Andrea stava fuori passandomi i borsoni e tenendo d’occhio la situazione. Fuori dalla tenda c’era una calca di  persone che spingevano incessantemente. Mi ricordo molto bene che a ottobre 2015 quando dovevo distribuire i giochi mi avevano letteralmente assalito e avevano distrutto una parte della tenda. Questi bambini non hanno davvero nulla, e la loro foga è più che comprensibile.

Nel complesso la distribuzione è andata bene. Quasi tutti hanno avuto qualcosa. Mi è rimasto in mente un papà che teneva sempre in braccio la sua bambina che aveva un’infezione a un piede e non riusciva a camminare. Nonostante fosse un uomo non ha approfittato né della sua statura né della sua forza. Si è messo ad attendere in silenzio fuori dalla tenda, facendosi superare dagli altri bambini. Quando me ne sono accorta ho pensato che fosse doveroso portare qualcosa a quella bambina, così ho preso una piccola giacca e gliel’ho portata fuori. L’uomo mi ha fatto un inchino e mi sono resa conto che era molto magro. Non avevo cibo da offrirgli, allora gli dato una lattina di iced coffee che mi aveva regalato il proprietario del negozio di Adana.

 

 

 

Nel frattempo mi ha raggiunta Arianna la quale ci ha aiutato a distribuire qualche giacca e ha liberato Andrea che ha potuto continuare a fotografare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una volta finito con le distribuzioni, siamo stateraggiunte da Stefania e Marja.

Marja, artista distrada, ha iniziato a fare divertire i bambini. Era uno spettacolo bellissimo. I piccoli ridevano, urlavano e ballavano, la seguivano e la imitavano guardandosi a vicenda con occhi allegri e pieni di vita. Anche gli adulti e alcuni ragazzi che pressappoco avevano la mia età si sono radunati li vicino, incuriositi dalle risa e dalle urla che si sentivano in tutto il campo.

Mentre aspettavamo Marino, l’aria diventava sempre più fredda man mano che il sole tramontava. Così ho provato a imparare i nomi di quei bambini che avevano passato il pomeriggio a seguirmi. I. Ho detto loro che io parlavo italiano e inglese, così qualcuno di loro ha incominciato a contare “one, two, three..” fino al 7. Dopo il 7 c’era il vuoto assoluto. Così ci siamo seduti per terra e abbiamo incominciato a ripetere i numeri, fino al 10. Ad un certo punto una bambina bionda mi ha guardato e mi ha detto “Abla, love”; ci siamo stretti tutti in un abbraccio strettissimo, uno di quegli abbracci di gruppo fatti non per facciata, ma per dimostrarci che ci volevamo davvero bene. Poi ci siamo riseduti a terra e abbiamo detto il nostro paese di provenienza. In questo gruppo di bambini c’erano turchi, siriani e curdi. Era bello vederli tutti assieme, giocare e ridere.

Quando Marino ci ha raggiunti era quasi buio, e noi dovevamo ancora distribuire giubbini nel primo campo. Poco prima di salire in macchina abbiamo salutato la famiglia di Alì. La ragazza più grande, Majada, si è messa a piangere mentre salutava Arianna. Invece la più piccola si teneva stretta a Marino, e sorrideva.  Prima di partire ci siamo girati tutti, noi e loro, verso le tende. Sopra le tende il sole stava calando del tutto, lasciando nel cielo sfumature che scaldavano il cuore.

Una volta sola in vita mia ho vissuto un addio tanto doloroso.

Sono salita in macchina con Arianna, Marja e l’interprete. Lui è un siriano laureato in archeologia che vive e insegna di Turchia da molto tempo. Nell’altra auto invece c’erano Marino, Andrea, Stefania e una famiglia con un bambino disabile al quale abbiamo acquistato una carrozzina. Mentre il furgone andava io ero in piedi sul retro cercando di svuotare più borsoni possibile e infilare i vestiti in un unico sacco. Essendo buio avevamo poco tempo, e avremmo semplicemente lasciato tutta la roba in una tenda e ognuno di loro sarebbe entrato a prendere ciò di cui aveva bisogno.

Una volta tornati nel primo campo abbiamo preso i sacchi che avevo riempito e li abbiamo trasportati in tenda. Fiore appena ci ha visti arrivare c’è corsa in contro. Ha aiutato me e Arianna a trasportare un sacco (che era più alto di me), e poi ci ha stretto la mano. Il cielo era bellissimo, una pioggia di stelle brillanti sopra le nostre teste. Faceva davvero freddissimo, e nonostante ciò la maggior parte di loro era scalza.

Il momento di risalire in macchina è stato per me il peggiore. Perché tornare in Italia dove i momenti più eccitanti erano le litigate in Consiglio di Dipartimento o l’organizzazione di eventi culturali? In quel momento non riuscivo proprio a trovare un motivo valido che mi permettesse di dire “che bello tornare a casa”. Sento già la mancanza delle corse e degli imprevisti, tanto quanto dell’abbraccio di Fiore. Prima di salire in macchina mi ha raggiunta, abbracciata strettissima e dato un bacio.

Vorrei concludere con una breve riflessione sulla fame e sul freddo.

Peter Hoeg, nel suo libro autobiografico “I quasi adatti”, racconta che quando immaginava come fosse avere una famiglia pensava ad una casa calda ed una tavola con tanto mangiare. E’ curioso come parlando con i profughi, la prima cosa che ricordano non è cosa facevano prima della guerra o come si vestivano, ma cosa mangiavano e come. Una persona per esempio mi ha raccontato che c’era sempre lo yogurt.

Per quanto riguarda invece il freddo non so davvero come facciano a sopportarlo. Io odio profondamente e detesto il freddo. Quando c’è nebbia o la pioggerellina stupida mi viene addirittura da piangere. E non sopporto la neve. Nei campi poche settimane fa c’è stata neve e pioggia; hanno distrutto le tende e allagato il campo. Io credo che queste persone abbiano una forza interiore incredibile. Davvero li ammiro per come affrontano la loro situazione, per come continuano a costruirsi una vita senza aspettare che essa passi sopra di loro  passivamente. I profughi che ho incontrato sono un inno alla vita.

 

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

“ARE THEY OURS? ”
“ARE THEY MATTRESSES?”
“BUT CAN WE KEEP THEM?”
“AND CAN WE CHOOSE THE COLOUR?”
“I, I, I WANT TO CARRY IT AND I WANT TO SHOW IT TO MY MUM!”
“CAN I TAKE THE ONE WITH FLOWERS, THAT PINK ONE? AND MY SISTER THAT GREEN ONE, NO BLUE, NO SHE WANTS THE LIGHT BLUE ONE! ”
These are the first sentences in Arabic that we heard said to us 2 days ago, when the mattresses were delivered.
And with the eyes our children have on Christmas morning, on their birthday, when they get a new bike, the latest model of the Xbox, Elsa’s costume or a new tennis racquet, they say hello, they thank you, they tell you that those mattresses are just beautiful !!!!
Many of them, after months, will have a bed on which to sleep and no longer a worn carpet that becomes damp with the rain.
We’re talking about mattresses, do you understand?
We’re talking about mattresses …
Thanks to all those who have made all this possible with their donations. The amount was not totally covered but very little was missing, but it does not matter, Support Syrian Children volunteers did the rest.
Thank you

 

 

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple
During the month of February 2016,  more than 400  food baskets  were handed out to the Syrian children and their families settled in the camps in Hureitan, in the province of Aleppo within the Syrian territory.
Neither bombs, nor fights and attacks were able to stop our friends and collaborators from helping the poor people. Unfortunately, due to safety reasons, they were obliged to make several deliveries on different days,  cramming the car and borrowing a van to be able to reach the many children and families . At last they could hand them out food.
We know it is just a little drop in the sea of their need, but for those who have nothing,  that small drop weighs more than lead
Thanks to the friends who go on supporting us , making donations, helping with organization, and distribution of food baskets and other materials , often  at their own risk. Thanks, because without them it wouldn’t be possible to help anybody.
Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email