Exemple

Ringraziamo tutti quanti ci hanno sostenuto,  insieme al Comitato Mahmud abbiamo consegnato  a Jafra Foundation 2.109$ con cui sono stati acquistati e consegnati 54 pacchi alimentari a 54 famiglie con 3 o più figli che vivono nella città di ‪Yarmouk‬ dove le condizioni di sopravvivenza sono estreme.
Jafra received the amount of 2,109$. Jafra used the amount to purchase 54 food baskets for 54 families who have 3 or more the children.

 

 

 

 

GRAZIE VERAMENTE DI CUORE a VOI, CHE AVETE RESO POSSIBILE TUTTO QUESTO!

 

 

 

 

 

SUPPORTA questa Raccolta fondi a sostegno di ‪‎JafraFoundation‬ per acquistare CIBO E BENI DI PRIMA NECESSITA’ che Jafra porterà a ‪#‎Yarmouk‬, questo inferno dove la gente a malapena SOPRAVVIVE, i bambini qui MUOIONO di fame, sete, malattia e terrore. Aiutaci a Sostenerli!!! Anche 10€ fanno la differenza. Grazie
La battaglia nella battaglia: #Yarmouk , il campo profughi dimenticato.

È strana la vita di un campo profughi. Nasce con delle tende, come il bivacco di un giorno. E piano piano, cambia. Le tende diventano baracche, le baracche diventano cubi di cemento. Le famiglie crescono, i figli si sposano e generano altri figli, che su quel cubo di cemento costruiscono un altro piano e un altro ancora. Case, alla fin fine. E continui a chiamarli profughi, anche se è chiaro ormai – in particolare dopo gli Accordi di Oslo della fine degli anni Novanta, che la Palestina non la rivedranno più. Un tempo a #Yarmouk c’erano ospedali, e 28 scuole. Oggi tutti chiusi. Elettricità e acqua corrente mancano da mesi.Il campo profughi di #Yarmouk è stato creato nel 1957 dalle autorità siriane a pochi chilometri da Damasco per accogliere i palestinesi costretti ad abbandonare le proprie case durante la prima guerra israelo-palestinese del 1948-1949. Con una gestione combinata del Ministero degli Affari Sociali siriano e l’Unwra (Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l’Occupazione creata per dare assistenza umanitaria dei rifugiati palestinesi nel 1949) in pochi anni il campo si è trasformato in uno dei più grandi campi profughi palestinesi del Medio Oriente, nonché il sobborgo più popoloso di Damasco e, nel tempo, al suo interno hanno trovato “casa” oltre 150.000 profughi.Attualmente ne sono rimasti sono 18.000, (gli altri morti o fuggiti) di cui 3.500 bambini secondo le fonti dell’‪#‎UNWRA‬, che nelle ultime settimane sono stati testimoni non solo delle atrocità compiute dallo Stato Islamico, ma anche colpiti dal taglio degli approvvigionamenti di acqua e cibo effettuato da mesi dal governo sirianoi.La situazione è terribilmente critica poiché la popolazione civile è intrappolata all’interno del campo assediato da una parte dai miliziani del “Califfato”, che combatte per arrivare a Damasco, e dall’altra i ribelli siriani raggruppati nell’Esercito Siriano Libero, le fazioni palestinesi e il governo di Damasco stesso. Non c’è più cibo, né acqua né cure mediche da mesi!Noi di ‪#‎SupportSyrianchildren‬ e di ‪#‎ComitatoMahmud‬abbiamo deciso di aiutare le persone intrappolate in questo inferno, appoggiandoci alla ONG locale ‪#‎Jafra‬ Foundation che che ancora riesce ad entrare. Siamo in costante contatto con loro, alcuni vivono a #Yarmouk e ci riferiscono che la situazione è al limite della sopportazione umana. Tramite loro porteremo medicine, cibo e acqua. Vi chiediamo una donazione, un aiuto che seppur minimo contribuirà ad alleviare le sofferenze di questi esseri umani, affinchè le persone che ancora sopravvivono a Yarmouk non siano solo vittime, di guerra, fame, politica e solitudine.
SUPPORTA questa Raccolta fondi a sostegno di #JafraFoundation per acquistare CIBO E BENI DI PRIMA NECESSITA’ che Jafra porterà a #Yarmouk, questo infernodove la gente a malapena SOPRAVVIVE, i bambini qui MUOIONO di fame, sete, malattia e terrore. Aiutaci a Sostenerli!!! Anche 10€ fanno la differenza. Grazie
http://www.supportsyrianchildren.org/
This is a fundraising to support Jafra foundation , to buy FOOD AND RELIEF GOODS for bringing to Yarmouk, near Damasco in Syria;here are trapped 30.000 Palestinian people , which 3.500 ARE CHILDREN!!!
Jafra foundation is one of the few ONG which can still have access to this hell to help people to SURVIVE, here people DIE of hunger,thirst,disease and terror.
Help us to Support THEM !!!!
Thank you.

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Queste foto si riferiscono ad un gruppo di bambini orfani che vivono nella tendopoli di Atma, uno dei più grandi campi profughi presenti in territorio siriano lungo il confine turco, nella regione di Idlib.

Atma era un campo di olivi sotto i quali la gente che scappava dalla regione di Idlib trovava rifugio. Oggi conta almeno 14.000 rifugiati, di cui 4.000 circa bambini. Non ci sono associazioni internazionali ma tutto si basa sul volontariato. Non c’è una vera cucina da campo ma solo una piccola tenda adibita a cucina che riesce a provvedere ad un solo pasto caldo al giorno; non c’è un ospedale,ma solo una tenda infermeria; non c’è acqua corrente ma il servizio idrico è gestito con cisterne con le quali ogni famiglia riempie la sua tanica; ci sono 4 servizi igenici in tutto il campo; non c’è energia elettrica.

 

Alcuni di questi bambini sono completamente soli, altri più fortunati hanno ancora qualche parente che cerca di prendersi cura di loro, con estrema difficoltà. Ci ha raccontato di loro un nostro contatto fidato: sono stati raccolti che vivevano per strada nei villaggi intorno da un ragazzo dal cuore grande grande, che li ha riuniti in questo gruppo e portati al campo profughi, in questo modo possono ricevere sostegnoaiuto e protezione.

Il gruppo di cui vi parliamo è composto da 70 bambini e bambine di età varie che vivono in condizioni di estrema precarietà: caldo torrido, senza affetto, senza cibo, con chissà quali traumi dovuti alla violenza vissuta e alla miseria.

Il progetto di Support Syrian Children inizia a giugno 2015 con quanto raccolto a Verdellino (Bergamo) durante la lotteria organizzata da Licia: i proventi da questo evento sono stati subito destinati all’acquisto di farina per fare pane per tutti loro, in quantità sufficiente per alcune settimane.

Ora con cadenza settimanale, vengono distribuiti generi alimentari sufficienti per tutti i bambini, diversi a seconda delle disponibilità a reperire il materiale e alle esigenze che emergono. Le distribuzioni sono documentate (per lo più da immagini fotografiche) e le spese sostenute per gli acquisti sono rendicontate.

Il progetto è realizzato grazie alla continua generosità dei sostenitori, grazie a ogni singolo piccolo contributo e donazione raccolto. Ricordiamo che l’organizzazione non trattiene per sé alcuna parte delle donazioni che percepisce.

Per poter contribuire al sostentamento di questi bambini, per farli crescere almeno senza soffrire la fame e non abbandonati, nella speranza forse ingenua che la loro situazione di estrema precarietà si possa risolvere o possa evolvere al meglio, si può fare un versamento specificando la causale ‘Progetto orfani Atma‘: qui le coordinate per farlo.

 

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

Daraa is a town located in southern Syria, on the border with Jordan, theater since 2011 of bloody clashes and devastation among the civilian population. It is difficult for International Organizations to know the number of civilian victims and refugees, mainly  children, helpless victims of other people’s folly.

Here in Daraa, a heap of ruins  and destruction, The Son of War for Children, the London-based charity found a structure  to be used as a school, with a large living room, a room where to cook lunch, and a small garden with some trees where the children can play.

In this school children, aged between 4 and 6 years, orphans of a parent or of both , find shelter.

Here these orphan children can do pre-school and recreational activities in a safe and secure environment, receive a wholesome meal every day, 5 days a week, from 8 to 14.

In this safe and healthy environment there is a reception center, where the children feel the warmth of a family, overcome the traumas caused by the war, and  can receive the necessary tools that in the future can enable them to change the fate of their country, in peace.

Project target

Our target is to help The Son of War for Children / London responsible of the project, to  support this school on an ongoing basis contributing to monthly expenses such as renting, salaries for the two teachers and nanny, canteen and the necessary for recreational school activities.

Let us remember that education is not only a right but a  concrete instrument for  changing  reality in a non – violent way in countries at war.

Why  not offer  these children the opportunity for a life of love and care   far from wars?

What to do?

Support us with free donations, causal payment “Daraa’s house”:!

You can find here the instructions to make donations safely. Thanks!

Daraa school and its little guests want to thank you for your help

For more information write to info@supportandsustainchildren.org

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

Our project to support Atma refugee camp continues regarding  particularly orphan children and, when it is possible, the entire community.

In agreement with our partners who always update us about the situation of children and the camp, we have chosen to concentrate our efforts on a very precious good: clean drinking and possible fresh water.

The camp gives hospitality to 70.000 people but no running water. A tank system is used where families can get water. The ration of water is 10 liters per day per family including drinking, cooking and washing if possible.

It is absolutely  insufficient. Families are numerous and the need to drink is strong especially for those who live in tents. In that area temperatures can range between 39 – 52 degrees.

Thanks to  the contribution of our supporters and to the precious collaboration of Bridge of peace, particularly of Tamer, responsible of Bridge of Peace Middle East,

Support Syrian Children managed to distribute 2.400 liters of water and ice.

In total four tanks , three in Atma camp and 1 in Al Wlled camp (near few km from Atma).

Thanks also to the commitment of 3 people for a whole day.

In the end , we succedeed in helping  120 families. As we always  do,  we first favoured the  families made up of single mothers with small children, mainly those who take care of the increasingly number of orphans. We totally reached 500 people, 400  of them children.

The inhabitants of the two camps strongly appreciated the arrival of clean, potable and fresh water, and asked us to be able  to enjoy of this great gift also in the following days: for them now water and food are the greatest blessing.

Tamer, whom we cannot but thank, without him we wouldn’t be able to act, left us  his feelings:

” It was not easy, but seeing the  children so happy was paramount , and made the venture less tiring. Their enthusiasm and their help were very important. Despite the environmental difficulties, the children did their best  to make our job easier.  The joy on their faces  is a priceless reward for  our commitment .

They are wonderful children, their will to live and their joyful effort to overcome the great difficulties always surprise me,  better, they always teach me something more.  We will never stop helping them.”

Our goal has been reached,  we cannot but thank  all the people who backed us  and gave financial support.

Thank you!

We would like  to be able to carry on with this project , and hope for your never ending help.

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Today the little orphans  at  Atma have received a liter of milk each , and their smiles make us happy! Thanks to everybody who allowed us  to fulfill our  small gesture. And above all thanks to Marzia Scura for her generosity. It is thanks to her that the children  today are happy and smile! It was not easy to start with the distribution, and for us,  today is a very important day. We hope from the bottom of our heart that it will be the beginning of a never ending action. We want to see other smiles. We want these children to feel that someone, even from  far away, minds of them and takes care of them.

 

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email