This post is also available in: en

TURCHIA

La Turchia sta ospitando quasi la metà dei 4,2 milioni di siriani sfollati nella regione, nel corso degli ultimi tre anni il governo della Turchia ha portato la maggior parte del carico dei rifugiati. Ora più che mai la Turchia ha bisogno di un sostegno e di un impegno della comunità internazionale per soddisfare le esigenze dei profughi siriani.

Nei campi il Governo e i partner implementano programmi innovativi di assistenza alimentare che soddisfano le esigenze quotidiane di poco più di 260.000 siriani. Ma la situazione più difficile è affrontata da coloro che vivono al di fuori dei campi ufficiali.

 

IL NOSTRO IMPEGNO si focalizza proprio in questi campi spontanei, dove le persone vivono senza cibo, bevendo acqua sporca, senza avere accesso ai servizi igienici e sanitari. In concreto, portiamo beni di prima necessità che acquistiamo in loco e beni come coperte, sacchi nanna e giubbini nella stagione invernale.

La presenza di un medico nelle nostre missioni è essenziale per debellare infezioni dovute all’acqua sporca, malattie della pelle, singolo casi di diversa entità o malattie che da noi sono facilmente curabili, come l’influenza, che in un campo profugo possono trasformarsi in letali.
Ci occupiamo anche di alcune famiglie, dislocate tra Turchia e Siria, con bambini malati o portatori di handicap.

 

MISSIONI e DISTRIBUZIONI